Nella I parte di quest’articolo dedicato alla scienza della pasta frolla abbiamo visto:

  • Che cosa è
  • Per che cosa si usa
  • Quali sono gli ingredienti
  • Le caratteristiche sensoriali che deve avere in relazione alla “struttura”
  • La relazione tra le caratteristiche sensoriali e gli ingredienti

Abbiamo cominciato ad analizzare la funziobe dei vari ingredienti cominciando dalla farina, vediamo adesso il ruolo degli altri ingredienti.

Il grasso

Il grasso ha la funzione di ricoprire ed impermeabilizzare i granuli di amido che sono rivestiti dalle proteine. Il grasso ricopre i granuli e in parte vi penetra all’interno ed impedisce l’entrata dell’acqua, quindi durante l’impastamento non si forma il glutine.

Contenere la formazione del glutine

La formazione del glutine può essere limitata:

  • Usando un grasso con alta percentuale di materia grassa: burro chiarificato o concentrato.
  • Distribuire omogeneamente il burro sui granuli di farina: mescolare la farina e il burro tagliato a pezzetti con un cutter a lama fine, questo permette di ridurre di circa il 10% il contenuto di burro.

 Uova

Le uova apportano grassi, liquidi e proteine.

Dal libro Uovo Perfetto ricaviamo la composizione dell’uovo e delle sue parti:

Componente % Acqua Proteine Grassi Solidi
Uovo intero 100,0 65,5 11,2 11,0 11,7
Albume 58,0 88,0 11,0 0,2 0,8
Tuorlo 31,0 48,0 17,5 32,5 2,0
Guscio 11,0 0,0 1,0 0,0 10,0

Contenere la formazione del glutine

Una pasta più croccante e friabile

Zucchero

Lo zucchero semolato si scioglie con difficoltà in ambiente grasso, per cui è consigliabile utilizzare quello a velo. Tra l’altro, questo cattura più facilmente l’acqua rubandola al glutine. Per lo stesso motivo il sale va sciolto in poca acqua o succo di limone.

Vuoi leggere la versione integrale di questo post?

Scarica qui il PDF “Pasta Frolla Perfetta” per scoprire la scienza della pasta frolla.

Filippo

“Siciliano per nascita, Scienziato per passione e Cuoco per necessità”. Mi chiamo Filippo Cangialosi e sono di Palermo dove vivo e lavoro dopo aver girato per il mondo e l’Italia nelle mie molteplici attività ed interessi. La scienza è la mia passione, amo il buon cibo e considero la cucina di casa un laboratorio. Per necessità … di sopravvivenza, mi occupo di cibo da quando sono nato, cucino almeno due volte al giorno non solo con lo scopo di preparare qualcosa di commestibile, ma anche per capire quello che avviene in cucina.

Filippo has 211 posts and counting. See all posts by Filippo

8 pensieri riguardo “La scienza della pasta frolla – II parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *