dolci con gelo di meloneVuoi realizzare una pasta frolla leggera e gustosa, ma non hai sottomano la ricetta? Bene, è semplicissimo.

Esistono molte ricette della pasta frolla e molte di queste promettono di essere “leggere” o “light“, ma non hai a portata di mano un ricettario o il tuo PC per collegarti a internet?  Nessun problema, come ho già detto, con un po’ di semplice aritmetica puoi costruire la tua ricetta.

Innanzi tutto memorizziamo i numeri della ricetta della pasta frolla media:

  • Farina       100 g
  • Burro          50 g
  • Zucchero    40 g
  • Uova           20 g

Quindi la sequenza da ricordare è: 100 – 500 e 40 – 20 (ogni numero è la metà del precedente).

Ricordiamo che nella preparazione della pasta frolla bisogna limitare la formazione di glutine e per fare questo ricopriamo i granuli di farina con il burro.

Per preparare una pasta frolla leggera allora possiamo sostituire parte della farina di grano con una farina senza glutine, ad esempio la farina di riso o con dell’amido. Proviamo ad utilizzare il 20% di farina di riso.

Il burro a questo punto deve essere calcolato non su 100 g di farina, ma su 80 g.

Per quanto riguarda le uova aggiungiamo non solo tuorli, ma uova intere per un totale di 20g su 100 g di farina totale.

Per dare maggiore friabilità aggiungiamo 0,5% di ammoniaca.

Lo zucchero può essere anche diminuito dal 40% al 35%.

Per completare la ricetta basta aggiungere un pizzico di sale, la scorza grattugiata di un limone e nel mio caso pasta di pistacchio e granella di pistacchio.

In conclusione:

  • Farina 00 80 g e Farina di riso 20 g
  • Burro 35,9 g
  • Zucchero 38,5 g
  • Uova 20 g

Per la mia pasta frolla al pistacchio ho aggiunto:

  • pasta di pistacchio
  • granella di pistacchio
  • sale
  • vaniglia
  • scorza di limone grattugiata

Ed ecco il risultato:

 

Dolcetti di pasta folla ripieni di gelo di melone

 

 

DSCF2261-mod1

DSCF2273-mod1

 

Filippo

“Siciliano per nascita, Scienziato per passione e Cuoco per necessità”. Mi chiamo Filippo Cangialosi e sono di Palermo dove vivo e lavoro dopo aver girato per il mondo e l’Italia nelle mie molteplici attività ed interessi. La scienza è la mia passione, amo il buon cibo e considero la cucina di casa un laboratorio. Per necessità … di sopravvivenza, mi occupo di cibo da quando sono nato, cucino almeno due volte al giorno non solo con lo scopo di preparare qualcosa di commestibile, ma anche per capire quello che avviene in cucina.

Filippo has 210 posts and counting. See all posts by Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *