Il gelato all’azoto liquido è un gelato istantaneo prodotto utilizzando l’azoto liquido che si trova a meno 196 gradi.

Il raffreddamento veloce della miscela permette la formazione di cristalli di ghiaccio molto più piccoli di quelli del gelato tradizionale. I micro-cristalli di ghiaccio sottraggono poco calore alla lingua e al palato che pertanto riesce meglio a gustare le materie prime del nostro gelato.

I gusti e i sapori sono esaltati. La testura è molto fine e soffice. Il gelato può essere preparato in 1 minuto.

L’azoto e un gas inerte che non contribuisce a nessun processo fisiologico che avviene nel nostro corpo. Non reagisce con altre molecole e non viene accumulato nell’organismo. Non è tossico. L’azoto si estrae dall’aria, di cui è il componente principale (79%). Così come la temperatura di ebollizione dell’acqua è a 100 °C, la temperatura di ebollizione dell’azoto è a -196 °C.

Filippo

“Siciliano per nascita, Scienziato per passione e Cuoco per necessità”. Mi chiamo Filippo Cangialosi e sono di Palermo dove vivo e lavoro dopo aver girato per il mondo e l’Italia nelle mie molteplici attività ed interessi. La scienza è la mia passione, amo il buon cibo e considero la cucina di casa un laboratorio. Per necessità … di sopravvivenza, mi occupo di cibo da quando sono nato, cucino almeno due volte al giorno non solo con lo scopo di preparare qualcosa di commestibile, ma anche per capire quello che avviene in cucina.

Filippo has 211 posts and counting. See all posts by Filippo

11 pensieri riguardo “Il gelato all’azoto liquido

  • Pingback:La scienza culinaria: tra insalate di matematica e libri di cibernetica « Sorsetti

  • 24 Maggio 2009 in 16:27
    Permalink

    Vorrei avere maggiori informazioni per quanto riguarda il gelato ll`azoto;per esempio,dove aquistare l`azoto,se si può anche fare artigianalmente,che atrezzature servono
    e se esistono dei corsi o dei libri per informarsi.
    Sarei grato se avessi una risposta,nell`attesa porgo distinti saluti.

    Risposta
  • 25 Maggio 2009 in 13:20
    Permalink

    @Bruno: l’azoto si acquista dai produttori di gas liquefatti, li trovi nelle pagine gialle. Per il trasporto dell’azoto serve un’apposito contenitore, che generalmente viene noleggiato dal venditore. Il problema della reperibilità e dei relativi costi sta nei quantitativi che si acquistano e quindi dal rapporto commerciale che si riesce a creare con il venditore.
    Di certo l’azoto liquido non si può produrre artigianalmente, ma il gelato si. Se ti serve asssistenza più specifica, InnovIdea può fornirtela, contattaci a info@innovidea.org.
    Posso sapere la tua città di residenza?

    Risposta
  • 3 Agosto 2009 in 18:35
    Permalink

    sono interessato all’ACQUISTO di azoto liquido potreste indicarmi prezzi e modalità ? grazie

    Risposta
  • 4 Agosto 2009 in 22:22
    Permalink

    @Francesco: l’azoto si acquista dai produttori di gas liquefatti, li trovi nelle pagine gialle. Per il trasporto dell’azoto serve un’apposito contenitore, che generalmente viene noleggiato dal venditore. Il problema della reperibilità e dei relativi costi sta nei quantitativi che si acquistano e quindi dal rapporto commerciale che si riesce a creare con il venditore.
    Se ti serve asssistenza più specifica, InnovIdea può fornirtela, contattaci a info@innovidea.org.
    Posso sapere la tua città di residenza?

    Risposta
  • 21 Novembre 2009 in 18:42
    Permalink

    Gentile Innovaidea,

    vorrei sapere dove prendere il vaso contenitore e l’azoto liquido a Foligno per un ristorante che vuole mettere in carta il gelato con l’azoto liquido.

    Grazie

    Paolo Berti
    347.4861373

    Risposta
  • 31 Luglio 2011 in 14:54
    Permalink

    Salve buongiorno vorrei sapere quanto azoto liquido serve per ogni litro di miscela di gelato da mantecare.
    Grazie Stefano

    Risposta
    • 31 Luglio 2011 in 16:25
      Permalink

      in genere direi 4 l di azoto per kg di miscela. Ovviamente è puramente indicativo perchè dipende dal grado di isolamento del contenitore e dalla velocità di mescolamento.

      Risposta
  • Pingback:Questo blog in cifre nel 2011 « InnovIdea

  • Pingback:Le ricette “molecolari” delle feste « InnovIdea

  • Pingback:Cucina molecolare per l’estate | InnovIdea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *